Un file MP4 appositamente realizzato potrebbe consentire ad un pirata informatico di prendere il controllo dello smartphone. Questa, in sintesi, la possibile conseguenza di una grave falla di sicurezza di WhatsApp che lo stesso Facebook ha voluto comunicare in un security post dove ha pure elencato le versioni dell’app più a rischio (CVE-2019-11931). Va detto subito per tranquillizzare gli utenti che utilizzano questa piattaforma di messaggistica, che la falla di sicurezza è già stata chiusa. Tuttavia, è necessario dotarsi dell’ultima versione dell’app di messaggistica.

Dunque, in tal senso, il suggerimento è quello di verificare se si dispone dell’ultima versione dell’applicativo sul proprio smartphone. Nel caso fosse disponibile un aggiornamento è consigliabile procedere all’update immediatamente. Il problema riguarda le app Android, iOS e Windows Phone nelle seguenti versioni:

  • WhatsApp per Android: versione precedente alla 2.19.274
  • WhatsApp per iOS: versione precedente alla 2.19.100
  • WhatsApp per Windows Phone: versione fino alla 2.18.368
  • WhatsApp Enterprise Client: versione precedente alla 2.25.3
  • WhatsApp Business per Android: versione precedente alla 2.19.104
  • WhatsApp Business per iOS: versione precedente alla 2.19.100

Facebook non ha voluto condividere molti dettagli di questa falla di sicurezza sebbene il problema sia probabilmente di come l’app gestisce i file MP4. Secondo GbHackers, al momento non ci sarebbero evidenze di vittime causate da questa vulnerabilità. Vista la pericolosità di questa criticità, sicuramente trattasi di una buona notizia.

Non è purtroppo la prima volta che WhatsApp rischia di essere preso di mira dai pirati informatici. La sua popolarità ed il fatto di essere presente praticamente su ogni piattaforma mobile, lo rendono un obiettivo perfetto.