Ha carattere e grinta il nuovo Reno 2 di OPPO. Uno smartphone che ha dalla sua un ottimo hardware e un design che non passa inosservato. Lo abbiamo provato per una settimana apprezzandone in particolare l’ottimo comparto fotografico, composto da ben 5 fotocamere (4 posteriori e una frontale pop-up che ricorda una pinna di squalo) e la stabilizzazione dei video oltre ad una affidabilità complessiva che lo rende uno dei migliori medi di gamma che si posiziona solo di poco al di sotto dei top di categoria.

Queste le caratteristiche tecniche di OPPO Reno 2:

Dimensioni – 160 mm x 74,3 mm x 9,5 mm;
Display – display AMOLED da 6,5 pollici (20:9). Parte anteriore: Corning Gorilla Glass di sesta generazione. Parte posteriore: Corning Gorilla Glass di quinta generazione;
Colorazione – Ocean Blue / Luminous Black;
Piattaforma – Qualcomm SDM7150;
Quadrupla fotocamera posteriore – Setup della quadrupla fotocamera- 48 MP (IMX 586+OIS+EIS) +13 MP (teleobiettivo) fotocamera+8 MP (grandangolo) +2 MP (obiettivo singolo)Zoom ibrido 5x;
Fotocamera frontale- 16 MP + flash frontale a luce diffusa. Modalità AI Beauty;
Hardware di base – RAM- 8 GBROM: 256 GB, Batteria 4000 mAh;
Connessione- Bluetooth 5.0, NFC;
Sistema operativo – ColorOS 6.1, basato su Android 9.0;
Ricarica – Tecnologia di ricarica rapida VOOC 3.0;
Sensori – Magnetico, luminoso, di distanza, giroscopio e gravità;
Ingressi – USB Tipo C e Jack auricolari da 3,5 mm.

Vediamo invece quali sono stati i principali pregi e i (pochi) difetti riscontrati nei nostri test.

Pregi OPPO Reno 2

1) Il design: potrà non piacere a tutti, ma l’aspetto del Reno 2 è una delle caratteristiche distintive di questo terminale. Nessuno potrà ignorare il fatto che impugnamo un dispositivo che si distingue da tutti i competitor. Il retro di OPPO Reno 2 è il vero punto di forza: vetro, fotocamere a filo, diverse sfumature di colori che cambiano in base all’angolazione e una pallina di ceramica (chiamata O-Dot) che si posiziona poco sotto le quattro telecamere per proteggerle quando si appoggia il dispositivo sul tavolo. La versione Luminous Black che abbiamo provato è davvero molto piacevole da vedere. La ciliegina sulla torta di un design così curato è la telecamera pop-up frontale che conferisce ulteriore carattere a questo terminale.

Oppo Reno 2 come si tiene in mano

2) Comparto fotografico: le 4 fotocamere posteriori (48 MP + 8 MP + 13 MP + 2 MP) consentono scatti davvero notevoli, sia in condizioni di piena luce che di scarsa illuminazione. Quello che ci ha colpito in modo favorevole è la velocità messa a fuoco, che consente di scattare sempre foto nitide e di ottima qualità, e il livello delle macro. Anche in notturna le foto scattate dal Reno 2 ci hanno convinto, segno che la modalità Ultra Dark di cui dispone lo smartphone, fa egregiamente il suo lavoro.

3) Lo schermo: sicuramente il display è uno dei punti di forza di questo Reno 2, parliamo di un AMOLED da 6,5 pollici Corning Gorilla
Glass di sesta generazione, con una risoluzione da 2400×1080 e un rapporto schermo-superficie del 93,1%. Non c’è che dire, ci troviamo certamente difronte a uno dei migliori schermi tra i terminali di fascia medio alta, con un’ottima resa dei colori e buonissima luminosità anche sotto la luce diretta del sole.

4) Il software: da tanti giornalisti ColorOS è stato visto come il punto debole di questo Reno 2. Troppi colori, troppi toggle per attivare/disattivare funzionalità, menu di difficile comprensione e troppe voci nelle Impostazioni. In realtà nelle prove fatte non abbiamo riscontrato alcun problema e anzi i colori che assumono i vari toggle quando vengono attivati o disattivati sono molto piacevoli e danno un tocco personale alla UI. Inoltre sono presenti funzionalità aggiuntive che abbiamo trovato molto comode, tra questo il cosiddetto Spazio Bambini, un sistema di parental control che consente di limitare l’utilizzo di Reno 2 se viene usato dai nostri figli.

ClearOS

5) Fluidità: non fatevi fuorviare dalla presenza a bordo del Reno 2 del processore Qualcomm Snapdragon 730. Pur essendo un processore non da top di gamma si tratta di un chip decisamente valido per garantire prestazioni di buonissimo livello. Nelle prove effettuate il device si è sempre dimostrato all’altezza della situazione, nessun impuntamento nella realizzazione di video, nessun tentennamento nell’utilizzo di app social come Facebook, Instagram e TikTok.

Difetti OPPO Reno 2

1) La fotocamera grandangolare: l’obiettivo da 8 MP utilizzato per le foto grandangolari ci ha un po’ deluso. È sempre divertente scattare foto così ampie, ma a nostro avviso la distorsione ai lati estremi delle foto scattate è troppo marcata.

2) USB Type-C: purtroppo la presa consente soltanto di caricare il telefono e trasferire file e foto, non è possibile far uscire il segnale video. Un vero peccato perché troviamo sempre molto comodo poter connettere lo smarpthone ad uno schermo per poter vedere in grande film e video sul proprio telefono.

Conclusioni

Abbiamo apprezzato molto OPPO Reno 2, uno smartphone estremamente equilibrato e con caratteristiche che non lo farebbero sfigurare neanche tra i top di gamma. Nella fascia medio-alta è probabilmente uno dei migliori terminali acquistabili al momento, considerando anche un design che lo rende differente da tutti gli altri competitor. A 499€ rappresenta senza dubbio un terminale con un rapporto qualità prezzo senza pari.