La febbre per il OnePlus 7 Pro sta inesorabilmente salendo a meno di 10 giorni dalla sua presentazione. A mantenere alta l’attenzione su questo interessante smartphone Android, Pete Lau, CEO di OnePlus che ha condiviso ulteriori informazioni su questo prodotto attraverso il suo account su Twitter.

OnePlus 7 Pro sarà dunque dotato di una memoria interna di tipo UFS 3.0. Trattasi di un dettaglio molto importante che mette in evidenza come lo smartphone potrà contare su di una memoria molto rapida in grado di rendere la fruizione del device estremamente fluida e senza impuntamenti. Rispetto alle attuali UFS 2.1 che si trovano su molti top di gamma attuali, le UFS 3.0 garantiscono una larghezza di banda doppia ed anche consumi energici inferiori.

Ma le novità non finiscono certamente qui. Pete Lau si è soffermato anche sul display dell’OnePlus 7 Pro evidenziando la piena compatibilità con lo standard HDR10+. Anche in questo caso si tratta di un dettaglio molto importante che evidenzia come OnePlus non abbia davvero lasciato nulla al caso. HDR10+ produce fino 4,000 nits di luminosità di picco, un aumento significativo (3,000 nits) rispetto a HDR10. Essendo un formato aperto, è privo di licenza e royalty e quindi facilmente utilizzabile da produttori di smartphone e creatori di contenuti, con programma di certificazione e logo HDR10+ a testimoniare qualità costante.

Sul display si ricorda che DisplayMate si era già espresso con lodi assegnando un punteggio di A+.

Pete Lau, CEO di OnePlus:

Daremo agli utenti la possibilità di guardare video in qualità HDR10. HDR10+ è il futuro non solo per i display televisivi, ma anche per gli smartphone. Crediamo che il nostro nuovo device possa fissare un nuovo benchmark per l’industria della telefonia e apra le porte ad un nuovo mondo fatto di fluidità visiva per gli utenti. Siamo orgogliosi di essere leader nella condivisione di tecnologie di qualità con il mondo.

Sul OnePlus Pro 7 arriva, infine, un ulteriore dettaglio, anche se minore. Lo smartphone Android non sarà certificato IP come già accaduto nei precedenti modelli. OnePlus 7 Pro non offrirà alcuna garanzia in termini di resistenza all’acqua in quanto queste certificazioni, secondo la società, hanno costi che ricadono sugli utenti finali.

Questo non significa, però, che lo smartphone non resista all’acqua come gli altri suoi competitors. Quello che manca, però, è la certificazione e quindi una vera e propria garanzia.

Per un più completo quadro delle specifiche di questo smartphone e del suo fratello minore OnePlus 7 si dovrà attendere il 14 maggio quando OnePlus terrà l’evento ufficiale di lancio.