È disponibile alla vendita da pochi giorni, per la prima volta anche su Amazon.it, il OnePlus 6, uno smartphone che come i suoi predecessori punta ad essere ultra competitivo con i top di gamma in termini di caratteristiche tecniche, preservando però un prezzo che si avvicina di più alla fascia media del mercato. Noi di Leonardo.it lo abbiamo avuto in prova dalla scorsa settimana e testato nell’utilizzo quotidiano. Dopo le prove fatte possiamo dire quali sono secondo noi i pregi e i difetti di questo smartphone.

Pregi OnePlus 6

1) Il primo pregio che è subito evidente è l’attenzione al design e alla qualità costruttiva. Sia il frontale che il posteriore del OnePlus 6 sono di vetro Gorilla Glass 5, una certezza in termini di robustezza e piacevolezza nel touch and feel.

2) Lo schermo è un bellissimo AMOLED da 6,28 pollici con aspect ratio da 19:9, davvero ottimo nella resa dei colori e nella luminosità e perfetto per un utilizzo multimediale intenso.

3) Le caratteristiche tecniche sono eccellenti, il OnePlus 6 viene spinto da un processore octa core Qualcomm Snapdragon 845,  parte da 6GB di RAM e 64GB di storage fino ad arrivare a ben 8 GB di RAM e 256 GB di storage. Lato multimediale il terminale è dotato di due fotocamere posteriori, la principale da 16 Megapixel con apertura f/1.7 e la secondaria da 20 megapixel, per quanto riguarda invece la fotocamera frontale troviamo invece una  16 megapixel. Tutte e tre le fotocamere utilizzano sensori Sony.

4) Il riconoscimento facciale del OnePlus 6 è uno dei migliori in assoluto che ci sia capitato di provare, funziona molto bene anche in condizioni di scarsa luce ed è estremamente veloce.

5) Le gesture introdotte nel OnePlus 6 lo rendono estremamente intuitivo e veloce da usare, si possono persino nascondere i tasti funzione della barra di navigazione e gestire lo smartphone solamente ricorrendo ai gesti delle nostre mani.

Difetti OnePlus 6

1) Purtroppo l’audio è un “punto debole” del OnePlus 6. Può contare infatti su un altoparlante di sistema mono e non su due altoparlanti stereo a differenza dei top di gamma competitor. Un difetto perdonabile, che però non ci saremmo aspettati da un terminale che punta a scalzare i nomi noti dell’industria degli smartphone.

2) Non è certificato IP68 o IP67. L’azienda dichiara una generica resistenza all’acqua, ma la mancanza della certificazione non fa capire se sia solo resistente a qualche spruzzo o possa essere addirittura immerso. Le prove fatte da qualche YouTube in cerca di forti emozioni hanno dimostrato come il OnePlus 6 possa resistere agevolmente alle immersioni in acqua per diversi minuti rimanendo funzionante. Certamente una certificazione sarebbe stata la scelta migliore per competere ad armi pari con altri top di gamma.

3) OnePlus 6 non è dotato di ricarica wireless. Sicuramente non è una feature che viene utilizzata frequentemente dagli utenti, ma ci si sarebbe aspettati che venisse inclusa dall’azienda cinese.

4) Il notch. Troppi smartphone hanno adotatto la “tacca” dell’iPhone X, da OnePlus ci si sarebbe aspettati maggior originalità, invece i designere di OnePlus 6 hanno preferito seguire la moda.

5) In confezione non sono presenti le cuffie. Questo è un difetto che da sempre i telefoni OnePlus hanno avuto, una scelta commerciale che però scontenta sempre gli utenti. OnePlus punta certamente a far acquistare le OnePlus Bullets Wireless, ma a nostro avviso in confezione andrebbero comunque inserite delle cuffie di buona fattura.

Complessivamente questo OnePlus 6 è un discreto upgrade rispetto al OnePlus 5T, ma chi possiede già il modello precedente probabilmente non riscontrerà novità sufficienti per procedere all’acquisto di questo nuovo terminale. Per chi invece voglia cambiare il proprio smartphone dotandosi di un top di gamma ad un prezzo eccellente questo OnePlus 6 è certamente il telefono che ha il miglior rapporto qualità/prezzo sul mercato.