Durante il keynote per la presentazione dei nuovi Mate 30 e Mate 30 Pro, Huawei ha ritagliato un po’ di spazio anche per annunciare il suo nuovo smartwatch Watch GT 2, importante evoluzione tecnica del precedente modello. Nonostante il tempo dedicato alla presentazione di questo modello non sia stato molto, non si può certamente dire che questo smartwatch non meriti attenzione, anzi, in un primo assaggio d’uso ha dimostrato di essere un prodotto non solo valido ma che può essere un’interessante alternativa a nomi ben più famosi che sebbene più completi, offrono un prezzo d’accesso molto più importante.

Niente ansia da ricarica

Perché bisogna ammettere che nell’uso di tutti i giorni la maggior parte delle funzionalità avanzate di molti smartwatch sofisticati non si utilizzano. Dunque, molto spesso ci si trova con prodotti che non vengono sfruttati in tutte le loro possibilità. Ci si trova quindi a spendere molto soldi ed a dover scontare un problema che caratterizza tutti gli smartwatch di fascia alta e cioè la scarsa autonomia. Si perché se si vuole disporre di super hardware, di decine di sensori di tutti i tipi, le mini batterie incluse negli smartwatch non bastano. Alla fine, si è costretti a dover ricaricare quasi ogni giorno l’indossabile. Scomodissimo, soprattutto se di deve viaggiare.

Con il Huawei Watch GT 2 questo problema non c’è. Huawei dichiara sino a 2 settimane d’uso con un utilizzo medio. Nella pratica, abbiamo riscontrato un calo dell’8-10% di batteria al giorno con un utilizzo medio. Questo significa che con una carica si può superare tranquillamente la settimana d’uso senza problemi. Un vantaggio non da poco.

Il tutto senza dover rinunciare quasi a nulla. Huawei Watch GT 2 dispone di molte funzionalità per il fitness che si sincronizzano con l’app Huawei Health, dispone di un comodo sensore per il battito cardiaco, gestisce le notifiche per lo smartwatch e permette pure di gestire le chiamate.

Il tutto con buone prestazioni possibili grazie al nuovo SoC Kirin A1. Ovviamente non è perfetto. C’è ancora qualche incertezza nell’interfaccia e la gestione delle notifiche andrebbe migliorata ma il sistema operativo LineOS si muove bene offrendo una buona usabilità.

Ovviamente non c’è quell’ecosistema software dei modelli più blasonati e non c’è tutta quell’abbondanza di possibilità che offrono altri modelli ben più sofisticati ma Huawei Watch GT 2 all’utente medio non fa mancare proprio nulla. Il tutto ad un costo davvero interessante visto che i prezzi partono da 229 euro.

Da lodare, inoltre, anche la gestione delle chiamate. Lo speaker offre un suono non altissimo ma ben percepibile e mai distorto e chi ascolta non si lamenta della qualità dell’audio. Huawei Watch GT 2 offre anche un ottimo display AMOLED ben visibile anche all’aperto.

Un indossabile, dunque, dalle potenzialità molto interessanti soprattutto se sarà ulteriormente affinato attraverso aggiornamenti software.