HTC Exodus 1s è ufficiale. Trattasi di un particolare smartphone blockchain, il secondo sviluppato dall’azienda, in grado si supportare pienamente i Bitcoin. Non si tratta, però, di un top di gamma ma di uno smartphone di fascia media pensato per avvicinare alle masse l’utilizzo della tecnologia blockchain e dei Bitcoin.

Le specifiche parlano chiaro, HTC Exodus 1s dispone di un display da 5,7 pollici con risoluzione HD+. Cuore pulsante il SoC Qualcomm Snapodragon 435 con 4 GB di RAM e 64 GB d storage. Entrambe le fotocamere, sia quella posteriore che quella anteriore, dispongono di un sensore da 13 MP.

Ovviamente presenti supporti come il 4G, il WiFi, il Bluetooth e tutto quanto non può mancare su di un prodotto moderno. La batteria è da 3500 mAh. Il sistema operativo è il vecchio Android Oreo 8.1.

Specifiche, quindi, non certamente esaltanti ma chi lo acquisterà non lo farà certamente per utilizzarlo come un comune smartphone e quindi le specifiche potrebbero passare in secondo piano.

HTC Exodus 1s supporta, infatti, Bitcoin Full Node. Questo significa una cosa molto importante e cioè che tutte le transazioni effettuate saranno verificate senza la necessità di dover utilizzare dispositivi di terze parti. HTC ha fatto sapere che questo supporto arriverà anche sul top di gamma HTC Exodus 1 attraverso un aggiornamento software.

HTC Exodus 1s dispone anche di Zion, uno speciale portafoglio virtuale sviluppato da HTC che è in grado di gestire svariate criptovalute. Presente anche il supporto al Bitcoin ledger ma in questo caso serve almeno una microSd da 400 MB.

HTC, dunque, continua a puntare su questi particolari smartphone come parte del piano per il suo rilancio. HTC Exodus 1s è acquistabile a 219 euro, pagabili, però, esclusivamente in criptomoneta.