HongMeng OS, il sistema operativo che Huawei sta sviluppando come alternativa ad Android, torna nuovamente sotto i riflettori grazie ad un’intervista rilasciata da Ren Zhengfei, CEO e fondatore di Huawei. Quanto affermato da Zhengfei è stato molto importante perché ha permesso di capire meglio cos’è HongMeng OS, come verrà utilizzato dall’azienda e quali saranno le sue reali potenzialità. Infatti, questo sistema operativo non sarà utilizzato solamente all’interno degli smartphone ma troverà spazio in ulteriori ambiti.

L’obiettivo dell’azienda cinese è quello di creare un vero e proprio ecosistema interconnesso. HongMeng OS troverà spazio, dunque, anche all’interno di prodotti come switch di rete, router, data center, soluzioni per l’Internet oh Things e tanto altro. Una piattaforma che sulla carta semberebbe essere molto interessante ed in grado di “scardinare” l’attuale mercato, offrendo una vera e propria alternativa ai soliti nomi noti.

HongMeng OS non sarà, però, solo un ecosistema ampio ed interconnesso in quanto dovrebbe garantire pure prestazioni molto elevate. Secondo il CEO e fondatore di Huawei, questo sistema operativo sarà in grado di stupire in termini di velocità. Una rapidità di esecuzione superiore sia ad Android che a Mac OS con un ritardo nell’elaborazione stimato sotto i 5 millisecondi. Dati che evidenziano una piattaforma dalle potenzialità decisamente elevate.

Ovviamente, il problema principale sarà quello di trovare spazio all’interno di un mercato dove Apple e Google dominano con i loro sistemi operativi e i loro rispettivi store delle applicazioni. Tuttavia, anche HongMeng OS disporrà di un suo store pensato per attirare gli sviluppatori.

Il prossimo 9 di agosto si terrà la conferenza degli sviluppatori di Huawei. Anche se non specificato, potrebbe essere l’occasione perfetta per Huawei di portare al debutto HongMeng OS.