Google ha deciso di mettere da parte i tablet pc e di concentrarsi sui portatili Chrome OS. Quella che inizialmente era solo una voce, è stata poi ufficialmente confermata da Rich Osterloh, responsabile della divisione hardware di Google. L’annuncio arriva un po’ a sorpresa in quanto da più parti si affermava che la società americana avrebbe lanciato due nuovi tablet pc nel corso del 2019. Tuttavia, secondo quanto riportano le fonti, il controllo di qualità di questi due dispositivi avrebbe dato risultati deludenti tanto che la società avrebbe poi deciso di sospenderne lo sviluppo.

Anche gli stessi dipendenti di Big G sono stati avvertiti di recente di questa decisione, segno che questa scelta deve essere stata presa nelle ultimissime settimane. Molti di quelli che lavoravano allo sviluppo dei tablet pc andranno ad occuparsi dello sviluppo dei portatili Pixelbook.

L’ultimo tablet pc di Google rimarrà, dunque, il Pixel Slate che, però, non è mai arrivato in Italia. Da sottolineare che il supporto a questo prodotto non sarà interrotto. Google continuerà rilasciare aggiornamenti.

La decisione di abbandonare il mercato dei tablet pc, però, non sorprende più di tanto. Questo settore è sempre stato dominato da Apple con i suoi iPad e i prodotti di Google non hanno mai sfondato, sia quelli Android che quelli basati su Chrome OS.

Contestualmente, il mercato dei tablet pc si sta pure contraendo e quindi il colosso americano probabilmente ha deciso che investire ulteriori risorse non fosse più opportuno.

Google ha, infine, fatto sapere che questa sua decisione non influenzerà i produttori di terze parti che invece offrono ancora tablet pc basati sui sistemi operativi di Google. Per loro, il supporto rimarrà sempre garantito.