Facebook progetta di rendere una cosa sola Messenger, Instagram e WhatsApp. L’indiscrezione arriva da The New York Times che cita le solite fonti ben informate. Sebbene, comunque, il social network punti ad unire le sue app di messaggistica, i servizi rimarranno allo stesso tempo anche separati. Sarà, infatti, l’infrastruttura ad essere unificata. Grazie all’unione tecnica di Messenger, Instagram e WhatsApp saranno possibili anche le conversazioni cross-platform. Questo significa che un utente di WhatsApp, per esempio, potrà mandare un messaggio ad un utente di Messenger e viceversa.

Si tratterebbe di una grande rivoluzione che secondo la fonte, però, non arriverà subito. Si parla, infatti, del 2020 come timeline per l’unificazione delle piattaforme. L’obiettivo primario di Facebook sarebbe quello di ottenere un maggiore controllo delle attività delle diverse piattaforme. Trattasi di una scelta dovuta principalmente ai molti problemi che il social network ha dovuto affrontare nel corso del 2018.

Un piattaforma unica permetterebbe anche di proteggere adeguatamente le conversazioni degli utenti attraverso un unico sistema di crittografia end-to-end. Tuttavia, un maggiore controllo di Facebook su queste piattaforme di comunicazione potrebbe aprire anche scenari interessanti per quanto riguarda nuove opportunità di business. Sicuramente dei piani di Facebook se ne saprà di più nel corso dei prossimi mesi.

Questo piano della società di Mark Zuckerberg è rivoluzionario anche perché, sino ad ora, Facebook aveva dichiarato di voler lasciare indipendenti Instagram e WhatsApp. Tuttavia, le cose oggi sono molto cambiate e la forte crescita di queste app avrebbe convinto il social network a cambiare i suoi piani.

Inoltre, sebbene l’unificazione delle infrastrutture permetterà di salvaguardare maggiormente le comunicazioni delle persone, si apriranno, comunque, anche altri problemi di privacy ed in particolare su come saranno gestiti i dati delle tre app.