Il nuovo Apple iPhone XR può essere prenotato dallo scorso 19 ottobre e come molti analisti si aspettavano, le richieste iniziale sono state buone. Secondo alcune stime, nei primi 3 giorni, il nuovo iPhone XR avrebbe ottenuto un numero di ordini superiore a quello ottenuto dagli iPhone 8 e iPhone 8 Plus lo scorso anno nel medesimo arco temporale. Sebbene il dato non sia ufficiale, l’informazione arriva dall’analista Ming-Chi Kuo e dunque da una fonte autorevole ed affidabile. Tuttavia, lo stesso analista evidenzia che i numeri dell’iPhone XR siano inferiori a quelli dell’iPhone XS. Questo aspetto, però, non deve preoccupare visto che questo nuovo smartphone riuscirà ad imporsi maggiormente nel corso dei prossimi mesi.

Infatti, gli iPhone XS e gli iPhone XR sono pensati per due target di clienti completamente differenti. Chi compra gli iPhone XS sono i fan di Apple, abituati ad ordinare immediatamente i top di gamma non appena escono. Chi compra gli iPhone XR, invece, è un utente Apple generico che è abituato ad iOS e non dispone di un budget alto. Le vendite dell’iPhone XR, dunque, sono destinate ad aumentare progressivamente nel tempo ed a rimanere stabili anche grazie alle offerte degli operatori di telefonia mobile a cui questo target di utenti si rivolgeranno.

Una posizione ottimistica che però non sarebbe condivisa da altri analisti che, anzi, evidenziano che l’iPhone XR avrebbe debuttato con numeri sotto le attese. Solo nei prossimi mesi, dunque, sarà possibile capire se l’iPhone XR è riuscito a fare breccia tra i consumatori oppure no.

L’unico dato davvero certo ad oggi, comunque, è che riparare un display di un iPhone XR costa davvero molto caro. Fuori garanzia, infatti, riparare lo schermo costa ben 221,20 euro, 30 euro in più della cifra prevista per la riparazione del display dell’iPhone 8 Plus. Una cifra molto elevata anche se molto inferiore a quella richiesta per riparare i nuovi iPhone X e iPhone XS Max dove si possono arrivare a spendere anche 361,20 euro.