Google punta a sfidare Spotify e gli altri grandi servizi di streaming musicale come Apple Music con YouTube Music, il suo nuovo servizio di streaming tutto incentrato sulla musica. YouTube Music sarà proposto in due declinazioni, una gratuita ma con la presenza della pubblicità ed una in abbonamento (9,99 dollari al mese) che offrirà anche alcune funzionalità extra di valore aggiunto. YouTube Music Premium, oltre, alla rimozione della pubblicità, consentirà agli utenti di ascoltare i contenuti musicali in background e di poter effettuare il download dei brani per poterli riprodurre offline. YouTube Music non sostituirà Google Play Music che diventerà parte integrante del nuovo servizio.

Appare evidente, però, che il nuovo servizio di streaming è stato pensato per andare ben oltre a Google Play Music e quindi è lecito che prima o poi la vecchia piattaforma musicale di Google sarà in qualche modo dismessa. YouTube Music sarà accessibile attraverso una nuova applicazione che sarà disponibile per piattaforme iOS ed Android. Google non ha dimenticato nemmeno gli utenti PC Desktop ed offrirà un player musicale progettato ad hoc.

Big G punta, dunque, a voler entrare nel combattuto settore dello streaming musicale sfruttando l’enorme bacino di musica e video musicali presenti all’interno della sua piattaforma. L’app, infine, imparerà i gusti degli utenti e suggerirà sempre nuovi brani da ascoltare. YouTube Music debutterà il prossimo 22 maggio in America, Australia, Nuova Zelanda, Corea del Sud e Messico. Successivamente arriverà anche in altri Paesi tra cui l’Italia.

Contestualmente al lancio di questa importante novità, Google ha annunciato anche YouTube Premium, evoluzione del già noto servizio YouTube Red. A fronte di due dollari in più al mese, 12,99 dollari, gli utenti potranno godere anche dell’accesso a tutti i contenuti originali creati da YouTube oltre a poter usufruire di altri vantaggi. Tutti i già abbonati a Red passeranno automaticamente a YouTube Premium senza costi aggiuntivi.