La pirateria su YouTube ha vita sempre più difficile. Google ha fatto sapere che sulla sua piattaforma di condivisione video sono stati generati due miliardi di dollari per i diritti d’autore dei contenuti presenti sul Tubo.

I dati arrivano dal rapporto di Google sulla sua lotta alla pirateria “How Google Fights Piracy”. Il colosso di Mountain View ha spiegato che i due miliardi di dollari per i detentori dei diritti d’autore su YouTube sono stati generati dalla monetizzazione dei contenuti creati dagli utenti tramite la piattaforma Content ID, un sistema sviluppato ad hoc per permettere ai titolari di copyright di identificare e gestire in maniera semplice i diritti sui propri contenuti audio-video.

Con questo sistema, sottolinea Google, sono stati gestiti oltre il 98% dei contenuti protetti da copyright e solo il 2%, invece, è stato rimosso per violazione del diritto d’autore. Ma come arrivano i soldi? Il 90% delle rivendicazioni effettuate con Content ID genera profitti.

BigG mette in risalto i risultati di Google Play, il negozio digitale dove è possibile acquistare musica e film, ha pagato 7 miliardi di dollari ai produttori dei contenuti.