La prossima app che userai tutti i giorni si chiama Yo e non fa altro che mandare uno “yo” a chi vuoi tu. In due tap. L’app è stata realizzata in otto ore e ha ricevuto un milione di dollari da parte di venture capitalist americani per diventare la prossima WhatsApp. Attualmente è stata già scaricata da 50 mila persone che hanno inviato 4 milioni di messaggi.

Yo è un modo di dire americano usato per congratularsi con una persona. Come dire “grande” o mostrare il pollice su. Nel contesto dell’app però viene usato come se fosse un vecchio “squillino”. Può voler dire “ti penso” alla tua amata oppure “ho bisogno di parlarti” se rivolto a un collega. Di modi di usarlo però ce ne sono molti diversi. Per esempio se aggiungete l’account WORLDCUP vi arriverà uno yo ogni volta che viene segnato un gol durante i Mondiali di calcio, così da correre a vedere il replay.

Un altro modo di usare l’app è ricevere avvisi dalle aziende quando queste attivano una promozione. E questo è il modo in cui l’app dovrà fare i soldi, secondo il suo creatore Or Arbel, uno sviluppatore iOS che lavorava per l’app Mobli, una specie di Instagram, e si è licenziato per lanciare questo nuovo progetto.

In Italia l’app non è ancora decollata, ma sono piuttosto sicuro che lo farà presto. Con Yo puoi inviare un messaggio push ai tuoi amici in modo veloce e soprattutto fra i più giovani la cosa sempre già spopolare.