Yahoo! ha cambiato l’acceso alle proprie API legate alle previsioni meteorologiche, che fino a qualche giorno fa erano sfruttate da molti sviluppatori di servizi terzi. Ora per sfruttare le API di Yahoo!, che prima erano liberamente fruibili, è necessario compilare un form e lasciare la propria carta di credito. E così gli amici di Metwit, startup italiana che offre previsioni del tempo iperlocali, si è rilanciata mettendo a disposizione le proprie API.

Facciamo un passo indietro. Metwit è un’app che potete scaricare sul vostro iPhone (anzi è una di quelle che vi abbiamo consigliato per sostituire le app di Apple) e vi permette di essere avvisati se si sta per mettere a piovere proprio dove siete o se dove volete andare a sciare sta nevicando, o ancora se al mare c’è vento. Questo grazie al fatto che Metwit non si basa sulle previsioni del tempo, ma sugli utenti che condividono le condizioni del tempo, eventualmente aggiungendo una foto.

Dunque, in giro per il web ci sono un sacco di sviluppatori incavolati per questa cosa che Yahoo! ha cambiato atteggiamento nei loro confronti di punto in bianco. Un po’ come fece qualche tempo fa anche Twitter. I ragazzi di Metwit non sono nuovi a colpi di genio come questo. Qualche mese fa costruirono un fake TechCrunch per entrare in contatto con la redazione del blog americano.