Yahoo! vuole investire in Snapchat una parte dei ricavi, pari a $9.4 miliardi, della IPO di Alibaba della quale detiene il 40%. Un’indiscrezione che abbiamo già raccolto, ma sulla quale emergono altri dettagli: l’acquisto di MessageMe – una app simile a quella di Evan Spiegel – potrebbe essere determinante. Pare, infatti, che la startup del «gran rifiuto» a Mark Zuckerberg avesse tentato di comprare la stessa applicazione per la medesima cifra, stimata fra i $30-$40 milioni. Perché preferire la società guidata da Marissa Mayer?

Sembra che, a differenza di Snapchat, Yahoo! abbia potuto garantire l’assunzione diretta degli otto dipendenti che lavorano a MessageMe — destinata a sparire dagli app store, dal 7 novembre. Non è da escludere che l’affare possa risolversi positivamente per tutte le parti in causa: sono $20 milioni quelli che la Mayer sarebbe disposta a investire sull’applicazione desiderata da Zuckerberg e, già concluso l’accordo con l’altra startup, Spiegel avrebbe a disposizione il capitale intellettuale cui mirava… senza spendere un dollaro.

Ricapitolando, il CEO di Snapchat otterrebbe un incentivo milionario da Yahoo! – interessata a investire sull’applicazione – e la tecnologia di MessageMe, comprata dalla Mayer, a costo zero. Cosa possa scaturire da quest’accordo non è ancora chiaro: Yahoo! Messenger non ha nulla a che vedere con le altre due app e potrebbe fare la stessa fine di Windows Live Messenger, che Microsoft ha preferito mandare in pensione per favorire la diffusione di Skype. È, probabilmente, una questione di profitto che porterà con sé la pubblicità.

Photo Credit: Maurizio Pesce via Photopin (CC)