Cortana non necessiterà del sensore Kinect 2 per funzionare su Xbox One una volta che Microsoft implementerà l’assistente virtuale sulla console all’interno della nuova piattaforma basata su Windows 10. In origine, la casa di Redmond, presentando Windows 10 per Xbox One, annunciò che anche Cortana sarebbe arrivata per tutti i possessori della Console, tuttavia aveva anche specificato che sarebbe stato necessario disporre del sensore Kinect 2 per godere di tutti i vantaggi dell’assistente virtuale.

Mike Nichols di Microsoft durante una ricente intervista a Polygon ha, invece, sottolineato come Microsoft abbia cambiato i suoi piani e Cortana, quando nel 2016 arriverà su Xbox One, sarà disponibile per tutti ed utilizzabile attraverso il classico headset (cuffie con microfono) che fa parte della dotazione di serie della console. La scelta di svincolare il sensore Kinect 2 da Cortana non appare strana in quanto da molto tempo Microsoft ha messo da parte lo sviluppo di soluzioni dedicate a questo strumento a causa del poco gradimento riscosso tra gli utenti. Del resto, oggi i videogiocatori prediligono acquistare la console senza il sensore.

Lo stesso Mike Nichols, durante l’intervista a Polygon, ha confermato che la percentuale di utenti che utilizzano le gesture con il Kinect 2 non giustifica l’obbligo di dover puntare in esclusiva su questo strumento per utilizzare Cortana.

Dunque, Microsoft ha deciso di ottimizzare Cortana per poter essere utilizzata sull’Xbox One anche solamente attraverso il semplice headset della console. In ogni caso, questo non significa che la casa di Redmond non intenda offrire alcun bonus per chi possiede il Kinect 2 ma solo che Cortana sarà davvero disponibile per tutti gli utenti Xbox One senza distinzione di sorta.