Chi di noi non ha desiderato che Motorola diventasse il produttore di smartphone Android preferenziale di Google? Le stesse speculazioni su X Phone di cui ci ha parlato Marco Usai testimoniano una volontà popolare di vedere questo produttore al centro della scena. A quanto pare, stiamo per essere accontentati: nella seconda metà del 2013 secondo Jim Wicks, capo del reparto design di Motorola, sul mercato vedremo degli smartphone con Android senza alcuna modifica da parte della casa produttrice.

Non finisce qui: Wicks si è pronunciato infatti riguardo i display troppo grandi degli smartphone attuali, dicendo che nonostante a molti piaccia avere un display ampio, a tanti altri serve uno smartphone con un monitor della grandezza giusta. Ed è in questo segmento che andranno a posizionarsi i nuovi smartphone Android di Motorola: saranno “quello che serve”, come dimensioni, e nient’altro.

Per me, è una grandissima occasione di dimostrare quello che Motorola vale davvero: il device che è stato annunciato infatti è molto simile ad X Phone, che la folla aspetta, e sicuramente l’hardware sarebbe ottimo, unito al supporto diretto di Google(auspicabile). Sarebbe inoltre una prospettiva ghiotta, che testimonierebbe come Motorola non sia stata acquisita solo per il suo portfolio di brevetti, ma anche per aggiungere un asset notevole ad Android.

Come dicevamo con Federico Moretti commentando la notizia en passant, sicuramente Motorola ha da lavorare sul proprio design, se vuole essere competitiva con il resto dell’industria: Android senza modifiche, però, e magari dei nuovi materiali più al passo coi tempi, potrebbero significare veramente molto per l’appeal di questi nuovi modelli. Bisognerà vedere poi se su questi dispositivi verrà permesso facilmente il root, che viene consigliato dai grandi innovatori del nostro tempo come Tim Berners-Lee.

Photo credits: Felix Montino via photopin cc