Al prossimo WWDC rischiamo di vedere ben poco per quanto riguarda la domotica. Ne abbiamo parlato qualche giorno fa, raccontandovi come Apple sembra essere pronta a lanciare una nuova piattaforma per la domotica, ma pare proprio che Cupertino si limiterà a fare questo: annunciare la nuova piattaforma. Niente gadget, niente prodotti, almeno stando a quanto riportano GigaOM e diversi altri website americani.

Insomma, la faccenda è questa: Apple presenterà “solo” un nuovo ramo del proprio programma Made for iPhone. Il focus principale sarà sulla connessione dei dispositivi via wi-fi, con la possibilità di utilizzare i comandi vocali via Bluetooth.

Per connettersi i vari oggetti dovranno utilizzare chip certificati da Apple. Questo garantirà un’interazione il più semplice possibile. Potremmo magari dire a Siri accendi l’aria condizionata quando arrivo a casa e questo succederà. Così per il termostato, le luci, le serrande, il forno e via dicendo. Niente di così rivoluzionario: una cosa simile la sta già facendo l’italiana Atooma con la propria app per Android. L’obiettivo di Apple è però fare in modo che tutto questo avvenga senza alcuno sforzo da parte dell’utente.

Il metodo che Apple seguirà sarà probabilmente simile a quello annunciato per Carplay, vale a dire che Cupertino lascerà ai partner l’implementazione del sistema sui propri oggetti, limitandosi a offrire le indicazioni per la connessione. Praticamente ci ritroveremo davanti a un App Store degli elettrodomestici allo stesso modo di come accadde al lancio dell’App Store per iPhone. Le app c’erano già, ma si potevano installare solo attraverso jailbreak. Anche gli oggetti che si connettono all’iPhone ci sono già, ma il pairing non è sempre così facile e non c’è un punto di riferimento, uno store dove trovare tutti questi oggetti. Presto l’Apple Store risolverà il problema.