Microsoft, in settimana, ha annunciato il raggiungimento del record di 300.000 applicazioni disponibili per Windows Phone Store: un risultato convincente, che spinge sempre più sviluppatori ad abbracciare la piattaforma — che presto sarà unificata a quella per i tablet con Windows RT e i desktop con Windows. La crescita del market ha subito dei rallentamenti, rispetto all’apertura (quando aveva una disponibilità maggiore del lancio della concorrenza), ma ha acquisito quelle applicazioni di successo che mancavano come Instagram.

Numeri che non possono competere col sesto compleanno e 1,7 miliardi d’applicazioni approvate su App Store, ma sostengono un’affidabilità che Microsoft ha conquistato a fatica. Nonostante gli incidenti di percorso, come la questione dell’aggiornamento mancato da Windows Phone 7 alla versione 8, oggi l’ecosistema è maturo e ha una quota di mercato in costante espansione coi nuovi Lumia [vedi gallery] da tutte le tasche. Molti sviluppatori scelgono di partire da Windows Phone 8.1, un fenomeno che era impensabile un paio d’anni fa.

La maggioranza delle app più popolari per iPhone e Android sono già disponibili anche su Windows Phone, però esistono ancora delle eccezioni come VSCO Cam che sul sistema operativo di Microsoft potrebbe avere un enorme successo — grazie alla qualità delle fotocamere dei Lumia di fascia alta. Il percorso di Windows Phone Store è in discesa e l’affermazione dei nuovi dispositivi che sono particolarmente apprezzati in Italia e in Europa porterà senza dubbio a colmare una volta per tutte il gap con la concorrenza di Apple e Google.

Photo Credit: Kārlis Dambrāns via Photopin (CC)