Utilizzando smartphone con i differenti sistemi operativi tra quelli più diffusi, ovvero Android, iOS e Windows Phone, non si può riconoscere che tra le tastiere installate di fabbrica sui dispositivi quella dell’OS Microsoft sia la migliore, offrendo una digitazione scorrevole e più facile da usare rispetto anche a quella di iPhone, che sullo sviluppo del software è costruito in maniera praticamente impeccabile. Il problema è che per utilizzare la tastiera Word Flow di Windows Phone è necessario avere un Windows Phone. O almeno così è stato sinora.

Già, sinora, perché secondo quanto riportato da The Verge, Microsoft starebbe programmando la possibilità di portare la tastiera Word Flow anche su altri sistemi operativi, primo dei quali sarà proprio l’OS mobile Apple. La notizia sarebbe derivante da un’email inviata dall’azienda ad alcuni tester del programma Windows Insider, alla ricerca di utenti iPhone per poter testare la tastiera (scusate il gioco di parole). Non è per ora chiaro quando possa avvenire il rilascio definitivo della keyboard Word Flow su iOS, ma essendo Microsoft già pronta a testarla con molti utenti, si può prevedere un lancio programmato per i prossimi mesi, non appena si avrà la certezza del suo corretto funzionamento.

La tastiera, insieme a Cortana, rappresenta uno degli elementi più unici del sistema operativo Windows Phone, ed è dotata di correzione automatica, suggerimenti, gesture e la possibilità di scorrere tra le lettere senza staccare il dito per digitare le parole. Per molti utenti WP potrebbe dunque non essere molto bello vedere Word Flow lanciata su altri sistemi operativi, ma il fatto che sia apprezzata da molti potrebbe portarne in alto l’adozione e perché no, convincere gli utenti a passare a Windows Phone scegliendo l’esperienza multipiattaforma di Microsoft, che di recente ha lanciato anche Cortana su Android e iOS.