Microsoft ha sempre scommesso sui sistemi integrati, anche se le soluzioni proposte ai programmatori non sono mai diventate tanto popolari da raggiungere il grande pubblico. Qualcosa potrebbe cambiare, grazie a Windows Embedded su Intel Galileo: la scheda introdotta lo scorso anno da Massimo Banzi e Brian Krzanich con Quark e Arduino alla prima Maker Faire romana. Già a BUILD 2014 era stato introdotto il progetto IoT (Internet of Things) che nel corso dell’estate in luglio ha preso corpo, producendo degli sviluppi interessanti.

Abbiamo parlato di Windows in the Car, uno degli obiettivi sul medio periodo di Redmond: Intel è un partner strategico che per il futuro [vedi gallery] ha molto da offrire su Arduino. L’incontro era inevitabile e Microsoft ha iniziato a distribuire una versione dedicata di Windows Embedded per la internet delle cose — compatibile con l’infrastruttura di Banzi. L’anteprima non è pronta per la grande distribuzione, ma pone delle premesse di sicuro interesse per i maker, che a ottobre torneranno a incontrarsi e confrontarsi a Roma.

La Maker Faire 2014 potrebbe essere il luogo ideale per scoprire cos’ha intenzione di fare Microsoft, che non abbandonerà NETMF – l’attuale piattaforma per i sistemi integrati – in favore di Arduino, ma inizia a supportarlo. La strategia di Satya Nadella copre ogni settore, dal wearable al desktop, e Windows IoT è un programma sul quale Redmond investe in più direzioni. Chissà quali progetti scaturiranno dagli esperimenti fatti in questi mesi dagli sviluppatori che partecipano al progetto! Un’evoluzione da seguire attentamente.

Photo Credit: Intel Free Press via Photopin (CC)