Windows Blue torna a far parlare di sé grazie a Mary Jo Foley, intervenuta su ZDNet con delle nuove indiscrezioni sulla futura piattaforma: Microsoft non proporrà un “semplice” Feature Pack come avevo illustrato all’inizio del mese di dicembre, ma un centro d’aggiornamento per tutti i sistemi operativi da Windows 8 a Windows Phone 8. Sembra confermata, invece, la cadenza annuale degli update. L’aspetto più interessante di Windows Blue parrebbe nella disponibilità in Windows Store sulla falsariga degli aggiornamenti per Android.

Cosa significa, per l’utente? Windows Blue potrebbe anticipare la situazione che avremmo soltanto con Windows 9: un unico sistema operativo su desktop, laptop, tablet e smartphone. Apple ha già previsto qualcosa di molto simile con iTunes che distribuisce applicazioni e/o aggiornamenti per Mac OS X e iOS. Windows Store dovrebbe proporre lo stesso. Microsoft potrebbe fare un ulteriore salto di qualità eliminando l’interfaccia retro-compatibile con Windows 7 e puntando tutto sulla nuova Graphical User Interface (GUI) di Windows 8.

La butto lì… Microsoft potrebbe eliminare completamente i numeri di versione e trasformare Windows Blue nell’unico sistema operativo, aggiornato ogni anno, per tutti i device compatibili. Sarebbe una soluzione innovativa sull’esempio di Linux: pensate a Ubuntu Phone che propone la stessa infrastruttura, le applicazioni e gli aggiornamenti del desktop. È improbabile sul breve periodo, ma riallineerebbe Microsoft alle attuali esigenze degli utenti. Dubito, però, che questa trasformazione possa davvero avvenire prima di Windows 9.

Photo Credit: Lachlan Hardy via Photo Pin (CC)