Satya Nadella ha mostrato a BUILD 2014 una nuova Microsoft come dimostrano le caratteristiche di Windows 8.1 Update 1: capiremo, in realtà, che – senza considerare la questione da un punto di vista tecnico – questo cambiamento è molto relativo. La società ha un approccio diverso, una maggiore apertura nei confronti degli sviluppatori e fa più attenzione al mercato attuale di quanto non facesse nell’ultimo periodo con Steve Ballmer. Tuttavia, l’obiettivo è sempre lo stesso e Microsoft riesce a conseguirlo bene quanto in passato.

Da Windows Phone 8.1 a Windows in the Car, Microsoft non ha realizzato nulla che non producesse già da anni. Prima che Steve Jobs presentasse iPhone, ad esempio, esistevano Windows CE e Windows Mobile: Windows Embedded – per la cosiddetta internet of things – è un progetto che anticipa persino Arduino. Cos’è cambiato davvero, allora? È tutta una questione d’atteggiamento o, se preferite, di comunicazione. Più open source per gli sviluppatori, un passo indietro con Modern e Internet Explorer 11 che aderisce agli standard del web.

Essendo un cambiamento legato all’immagine, Microsoft non poteva fare altro che nominare un nuovo CEO. L’ecosistema è migliorato tanto rispetto a Windows XP, ma le risorse proposte – a partire da Office – sono le stesse: cambiano i dispositivi, perché non esistevano tablet o smartphone, però la visione d’insieme è la stessa del 2001. Così come il fatturato, che ha raggiunto l’apice con Ballmer ed è soprattutto merito delle licenze di Android. Oggi Microsoft è più simpatica… e non ha dovuto fare altro che darsi una nuova veste.

photo credit: LeWeb13 via photopin cc