Microsoft in aiuto dei suoi utenti che soffrono di gravi disabilità motorie e cognitive. Il gigante del software, infatti, sta lavorando per portare all’interno di Windows 10 un sistema di tracking oculare per consentire a chi soffre di disabilità di gestire il sistema operativo con gli occhi.

Gli utenti, così, potranno avviare app e persino scrivere attraverso speciali tastiere a schermo, il tutto solamente con il movimento degli occhi. Una funzione davvero molto utile ed espressamente pensata per chi soffre di ALS (Sclerosi laterale amiotrofica). Questo tracking oculare è stato sviluppato in collaborazione con Tobii, leader in questo speciale settore.

Questa funzione è attualmente in fase di beta e può essere testata iscrivendosi al programma Windows Insider. Per poter funzionare è necessario dotare il PC Windows 10 di alcuni hardware speciali come il Eye Tracker 4C di Tobii. In futuro, però, questa piattaforma per la disabilità supporterà altri hardware.

Difficile capire quando esattamente il tracking oculare per Windows 10 arriverà per tutti. Difficile che possa essere rilasciato con Windows 10 Fall Creators Update visto che il rollout dell’update è atteso già a settembre. Più verosimilmente, arriverà la prossima primavera con Redstone 4.

Trattasi, dunque, di un’iniziativa lodevole che evidenzia come Microsoft sia attenta alle esigenze di tutti i suoi utenti.