Microsoft, con il nuovo Windows 10 per smartphone, punta ad offrire agli utenti la possibilità di effettuare pagamenti tramite NFC, con un sistema simile ad Apple Pay che è presente su iPhone 6 e iPhone 6 Plus. I primi dettagli su questa strategia sono stati svelati durante la conferenza WinHEC2015 a Shenzhen, in Cina.

Durante la conferenza Microsoft ha svelato che Windows 10 per smartphone supporterà la tecnologia Host Card Emulation (HCI). Quest’ultima permette di effettuare transazioni emulando con lo smartphone una carta di pagamento, senza la necessità di avere il Secure Element. In questo modo, HCI permetterà ad ogni smartphone dotato di Windows 10 e tecnologia NFC di effettuare pagamenti dal dispositivo verso terminali NFC sviluppati ad-hoc. La tecnologia impiegata per Windows 10 per smartphone è supportata da VISA, MasterCard e American Express e, allo stesso tempo, anche su Android dalla versione 4.4.

Un’altra slide della presentazione di Microsoft, invece, focalizza l’attenzione sul supporto della tecnologia “Tap to pair” per hardware NFC. Windows 10 per smartphone, di fatto, permetterà di effettuare la procedura di pair con dispositivi Wi-Fi Direct, attraverso Wi-Fi Protected Setup. Inoltre, supporterà anche Miracast per effettuare il mirroring del display dello smartphone Windows 10 su un più grande schermo.

Seppur non tutti i dispositivi dotati di sistema operativo Windows 10 per smartphone avranno il supporto NFC, la strategia di Microsoft è quella di offrire la tecnologia per effettuare pagamenti mobile come già avviene sui dispositivi Apple con Apple Pay. In questo modo, i possessori smartphone Windows 10 potranno effettuare pagamenti presso i principali negozi, catene, ristoranti e altri luoghi che possiedono dispositivi NFC abilitati per il riconoscimento della tecnologia HCI.

Per avere più informazioni a riguardo, infine, è necessario aspettare la conferenza Build 2015 in programma per la fine di aprile, momento in cui Microsoft potrebbe svelare i propri piani a riguardo.