Windows 10, il nuovo sistema operativo di Microsoft, occuperà meno spazio grazie ad un innovativo sistema di compressione “smart” e alla rimozione dell’immagine di ripristino. In questo modo, Windows 10 sarà un sistema operativo più leggero sia su smartphone che PC.

Con l’aggiornamento di Windows 8.1, Microsoft ha diminuito sensibilmente lo spazio occupato dal sistema operativo per renderlo adatto anche ai tablet low-cost, attualmente presenti sul mercato, che offrono uno spazio di archiviazione permanente pari a 16GB. Tuttavia, se Windows 8.1 rappresenta un buon passo in avanti, Windows 10 diminuirà ulteriormente lo spazio occupato su PC e smartphone, fino ad un massimo di 6.6GB su alcune installazioni OEM. Microsoft, inoltre, è entrata nei dettagli delle tecnologie applicate che sono impiegate all’interno del nuovo sistema operativo.

Windows 10: nuovo algoritmo di compressione

Microsoft ha lavorato a lungo nell’implementazione di un nuovo algoritmo di compressione intelligente, che sarà utilizzato anche in Windows 10 per smartphone permettendo, di fatto, di guadagnare un po’ di spazio all’interno delle memorie flash dei dispositivi mobili.

Il meccanismo di compressione si adatterà in base alle performance dei dispositivi e alla dotazione hardware. Così facendo, Microsoft punta ad ottimizzare il livello di compressione senza ridurre le peformance del sistema operativo. In termini numerici, la compressione smart permetterà di risparmiare 1.5GB su un sistema a 32-bit e fino a 2.6GB su un dispositivo a 64-bit.

Compressione in Windows 10

Esempio compressione in Windows 10 (Microsoft)

Windows 10: addio immagine di ripristino

Allo stesso tempo, Microsoft ha deciso di rimuovere l’immagine di ripristino, pre-installata all’interno dei dispositivi. In questo modo, i livelli di risparmio in termini di spazio oscillleranno tra 4 e 12GB, a seconda della tipologia di dispositivo.

Il sistema di recovery di Windows 10, infatti, utilizzerà solo i file di sistema presenti all’interno del sistema operativo. Windows 10 riuscirà a comprendere quali siano i file originali ed effettuerà il reset del PC rimuovendo tutto ciò che non è stato creato da Windows, ripristinando anche il registro di sistema e altre impostazioni.

Ricordiamo, infine, che la rimozione dell’immagine di ripristino sarà disponibile solo su PC e tablet. Gli smartphone, invece, utilizzano già oggi un sistema di ripristino diverso.