Sarà Windows 10, non Windows 9, il prossimo aggiornamento del sistema operativo di Microsoft: Redmond ha spiazzato tutti – saltando un numero – però la conferenza stampa tenutasi ieri a San Francisco ha confermato tutte le altre indiscrezioni sulla Technical Preview che sarà disponibile a partire da oggi all’indirizzo preview.microsoft.com. Iscrivendosi, sarà possibile partecipare al nuovo Windows Insider Program e accedere a tutti gli update che la società distribuirà direttamente durante la fase d’anteprima della piattaforma.

Windows 10 riproporrà il menù Start delle precedenti versioni, arricchito coi Tile dell’interfaccia Modern: Microsoft avrebbe voluto chiamare il sistema operativo Windows One… ma la 1.0 esiste ed è stata presentata a suo tempo da Bill Gates. L’intento è quello di realizzare un ecosistema consistente su tutti i dispositivi, dalla cosiddetta internet delle cose ai computer più tradizionali (passando per tablet e smartphone). Quando sarà disponibile? Un altro evento per i consumatori è programmato fra il mese di gennaio e febbraio.

La versione definitiva di Windows 10, che includerà i desktop virtuali dei quali avevamo parlato in passato, potrebbe essere disponibile nella primavera del 2015: non è chiaro quando l’aggiornamento sarà pronto per PC e tablet basati sull’architettura ARM, perché la Technical Preview è compatibile soltanto con x86, né quale sarà la sorte di Windows Phone 8.1 che – prima o poi – dovrà essere sostituito da Threshold. Così come il sistema operativo di Xbox One, assente dalla conferenza se non per un’immagine di Kinect for Windows.

foto ufficio stampa