L’upgrade gratuito al sistema operativo Windows 10 sta segnando nuovi record. Lo scorso ottobre, Microsoft comunicò che l’ultima versione del sistema operativo era installata su oltre 110 milioni di dispositivi e, adesso, il numero è salito a oltre 200 milioni. Rilasciato il 29 luglio 2015 come aggiornamento gratuito su tutti i device con Windows 7 e Windows 8.1, Windows 10 si sta pian piano avvicinando alla quota di 1 miliardo di installazioni.

Tracciare il numero di attivazioni di Windows 10, l’ultimo sistema operativo di Microsoft, è importante per comprendere se quest’ultimo sarà in grado di raggiungere un miliardo di dispositivi entro due o tre anni. Sicuramente, il momento chiave è quest’anno, dal momento che Windows 10 è stato inizialmente rilasciato come aggiornamento gratuito fino al 29 luglio del 2016. Tuttavia non ci sorprenderemmo del fatto che Microsoft decida di allungare il periodo “speciale” di update gratuito.

Non solo, il numero di utenti che hanno un device con Windows 10 permette di comprendere se l’idea di Microsoft di incoraggiare gli sviluppatori verso il Windows Store avrà o meno il successo sperato. Microsoft, infatti, sottolinea che il Windows Store ha registrato una crescita esponenziale durante il 2015, grazie anche a un numero maggiore di transazioni a pagamento.

Oltre al raggiungimento dei 200 milioni di dispositivi su cui Windows 10 è installato, Microsoft ha deciso di aumentare le nazioni in cui Surface Book sarà disponibile. A partire dal 5 gennaio inizieranno i pre-ordini in Austria, Australia, Francia, Germania, Svizzera, Nuova Zelanda e Regno Unito. Per quanto riguarda l’Italia, Microsoft non ha ufficializzato alcuna data. Infine, Microsoft farà debuttare il Surface Book anche in Cina e Hong Kong a partire dal 15 gennaio. Così facendo, l’azienda di Redmond punta ad aumentare la propria base di utenza offrendo un notebook rivoluzionario, dotato di design estremamente interessante.