Tra tutte le novità presentate durante la Build Conference 2016, Microsoft ha confermato l’arrivo del prossimo major update di Windows 10, denominato Anniversary Update. Si tratta di un aggiornamento completamente gratuito e che verrà reso disponibile a tutti gli utenti nel corso dell’estate.

L’atteso aggiornamento Windows 10 Anniversary Update verrà rilasciato gratuitamente durante il corso dell’estate. Un aggiornamento destinato anche Xbox One e che trasformerà ogni singola console di Microsoft in un’unità per sviluppatori, portando anche le applicazioni Windows 10 al suo interno.

Tra le principali novità di Windows 10 Anniversary Update vi è Windows Ink, una vera e propria piattaforma che permette di utilizzare il classico pennino per prendere appunti e interagire anche con altre app. Ad esempio, aprendo l’app Mappe sarà possibile tracciare una linea da un punto ad un altro per ottenere determinate indicazioni stradali. Non solo, Windows Ink permette di avere un livello d’interazione ancor più naturale, sostituendosi definitivamente alle classiche carta e penna. Altre importanti novità che riguardano sempre Windows 10 Anniversary Update sono l’integrazione dei comandi di testo della shell Bash e il supporto dei file binari di Ubuntu, come avevamo già anticipato. Quest’ultime sono due importanti novità per gli sviluppatori che desiderano creare applicazioni appoggiandosi anche alla classica linea comando.

Sempre durante la conferenza Build 2016, Terry Myerson, Executive Vice President, Windows and Devices Group, ha comunicato il raggiungimento di un importante traguardo per quanto riguarda il numero di utenti attivi di Windows 10. Il nuovo sistema operativo dell’azienda di Redmond ha superato soglia 270 milioni di utenti attivi in 8 mesi dal lancio della prima versione stabile.

Numeri veramente importanti, soprattutto se consideriamo anche il numero di ore trascorse dagli utenti su Windows 10. Microsoft ha comunicato che gli utenti hanno speso oltre 75 miliardi di ore, mentre l’ecosistema continua a crescere vista la presenza di oltre 500 dispositivi realizzati ad-hoc per il sistema operativo.

Si tratta, come ribadito da Terry Myerson, della versione di Windows che ha ottenuto i più elevati ritmi di crescita e diffusione.