Windows 10 ha già un primo aggiornamento, disponibile in automatico per la build d’anteprima distribuita con Insider Program: l’aspetto principale di questo update è l’introduzione del nuovo Action Center — un centro per le notifiche di sistema, disponibile sui PC, che mostra i messaggi dalle app integrate o scaricate da Windows Store. Al momento, l’interazione dell’utente è molto limitata perché le azioni saranno aggiunte in seguito insieme a un look più pulito. La funzionalità è raggiungibile dall’icona nell’area di notifica.

Curioso che le nuove notifiche di Windows 10 siano tanto simili a quelle di Chrome: la competizione fra Microsoft – che punta sempre più sul cloud computing aziendale – e Google è quanto mai serrata. L’aggiornamento non include soltanto il nuovo Action Center perché corregge alcuni problemi sulla base del feedback avuto dagli utenti. È chiaro che a Redmond abbiano incrementato la trasparenza e il dialogo coi fruitori del sistema operativo per evitare quegli errori commessi con l’uscita di Windows 8, non recepito come desiderato.

Oltre a questo nuovo Action Center, già accennato, Microsoft ha reso più semplice lo spostamento delle app tra gli schermi e inserito delle animazioni durante il passaggio da un desktop virtuale all’altro. Windows 10 – come avevamo anticipato – sarà aggiornato tenendo conto delle critiche mosse dagli utenti: sono a quota 250.000 i feedback inoltrati dai partecipanti al Windows Insider Program, 25.831 i post sui forum aperti ad hoc da Redmond e 641 i suggerimenti inoltrati dal Windows Suggestions Box. Una partecipazione notevole.

photo credit: download.net.pl via photopin cc