Se siete tra le migliaia di utenti coinvolti nel blackout totale della rete internet Wind Infostrada del 13 giugno scorso, sappiate che è possibile avere un indennizzo da parte della compagnia telefonica per i disagi subiti.

Il rimborso è stato ottenuto grazie alla mediazione di alcune associazioni dei consumatori ma per beneficiare dell’indennizzo occorre presentare reclamo formale entro la data del 16 luglio, cioè entro la data di oggi.

Vediamo in cosa consiste tecnicamente questo risarcimento.

Sono due le categorie di rimborsi: gli utenti con tariffa mobile ricaricabile avranno 1 GB di navigazione gratis una tantum, per coloro che hanno attivo un piano dati ci sarà anche un bonus del 20% su tutte le ricariche fatte nelle 48 ore successive alla richiesta di risarcimento al servizio clienti Wind. Il valore massimo del bonus è di 50 euro, spendibile entro 30 giorni dalla data dell’attivazione e sarà consumato con priorità rispetto al credito pagato.

Gli utenti abbonati – alla rete mobile e fissa (Infostrada) – potranno beneficiare di rimborsi diversi: uno sconto di 2,50 euro nella prima fattura utile (entro 2 mesi), più – ma solo per gli utenti mobili – 1 GB di navigazione gratis.

Per avere diritto ai rimborsi straordinari si deve sporgere reclamo direttamente all’operatore o tramite i moduli pubblicati dalle associazioni consumatori.

LEGGI ANCHE

Rete Wind non funziona: il racconto “disperato” di un’utente