Chi ha mai dimenticato i giorni in cui su Wikipedia non erano più disponibili i contenuti dell’enciclopedia ma campeggiava un messaggio relativo alla mancanza di fondi per sostenere il progetto di Wales? È acqua passata. Dopo il timore per la chiusura di Wikipedia, il suo fondatore annuncia che per il 2012 l’enciclopedia e tutto il mondo professionale che ci gira intorno, sono salvi. Anche per quest’anno sopravviverà e occorre ringraziare per questo gli utenti che hanno effettuato le loro donazioni.

Sono stati raccolti, grazie ai versamenti volontari, più di 20 milioni di dollari. Una cifra molto elevata in sé ma equa se si pensa che Wikipedia è un’enciclopedia gratuita, contenente circa 20 milioni di articoli, disponibili non solo in inglese, ma tradotti in circa 282 lingue.

Dal 16 novembre al  primo gennaio 2012, Jimmy Wales ha chiesto un aiuto economico agli utenti, mettendoci la faccia. E l’obiettivo può dirsi raggiunto. Il fondatore di Wikipedia ci ha tenuto a ricordare che ha ben 80 dipendenti da sostenere ma può avvalersi della collaborazione di oltre centomila persone che prestano il loro sapere a titolo volontario e gratuito.

Ricordiamo che il 15 gennaio sarà il compleanno di Wikipedia e che sulle pagine di questa enciclopedia non è mai ospitata la pubblicità.