La fine della produzione della Wii U potrebbe essere imminente, anzi, secondo Eurogamer, la data fissata dall’azienda giapponese sarebbe addirittura per il prossimo venerdì 4 novembre. L’attuale console di Nintendo ha debuttato nel lontano 2012 ed è stata venduta in circa 13,36 milioni di esemplari. Numeri non certamente soddisfacenti per Nintendo e non è un mistero che questa console non abbia raccolto il successo desiderato. Se davvero arrivasse lo stop alla produzione la Wii U sarebbe una delle console dal ciclo vitale più corto della storia del settore del gaming.

La Wii U, infatti, non è mai piaciuta, ne ai giocatori e nemmeno agli sviluppatori che la giudicarono anacronistica per i tempi. La console, infatti, fu dotata di un vecchio display resistivo quando tutti stavano puntando sui nuovi schermi capacitivi.

Lo scarso appeal degli sviluppatori non fermò, però, Nintendo che rilasciò per la console alcuni giochi in esclusiva davvero molto belli. Questo sforzo, comunque, non permise alla Wii U di fare breccia tra i giocatori.

Nintendo, adesso, sembra aver imparato la lezione e la console Switch sembra destinata ad avere una storia ben differente. La futura console della casa giapponese debutterà solamente il prossimo 13 gennaio ma il trailer condiviso dall’azienda e tutte le più recenti indiscrezioni stanno convincendo i giocatori e gli sviluppatori sulla bontà di questo progetto.

Nintendo, dunque, sembrerebbe intenzionata a mettere la parola fine alla sfortunata Wii U per puntare tutto sull’inedita ed innovativa Switch.