La connessione WiFi potrebbe presto essere obbligatoriamente gratuita per tutti, o almeno in questo consiste la proposta avanzata dal PD, riportata da Macitynet.it. Il tasso di analfabetismo digitale italiano è allarmante, e arriva più o meno al 45 percento, per cui poco più di un italiano su due utilizza internet. In più modi si è provato ad migliorare la situazione, per esempio portando una connessione gratuita nelle spiagge per il periodo estivo, ma ancora siamo veramente lontani dal colmare questa grande lacuna.

Ecco che però qualcosa sembra muoversi: alcuni parlamentari del Partito Democratico hanno avanzato una proposta di legge che obbliga qualsiasi esercizio commerciale con superficie superiore a 100 mq e almeno con due dipendenti a dotarsi di una connessione WiFi e fornirla gratuitamente ai clienti. Coinvolte anche scuole, ospedali, strutture sanitarie ed uffici pubblici, per cui saranno stanziati dei fondi appositi in modo da rendere i luoghi pubblici dotati di una connessione libera.

La proposta è stata presentata dal Sergio Boccadutri, appartenente al PD, e 110 altri parlamentari, per cui può darsi che la proposta non incontri troppi intoppi nel momento della discussione in aula, o almeno, si spera che sia così, considerando la generale arretratezza italiana in tema di informatica rispetto, per esempio, alle altre nazioni europee. Non resta che sperare in una discussione rapida alle Camere, per mettere in pratica quella che finalmente pare essere un’idea molto utile alla crescita del Paese.

Seguite Andrea Careddu su Google Plus Twitter