Il problema della privacy è sempre più alla “ribalta“, i nuovi Smartphone che ogni giorno utilizziamo sono sempre più dei veri e propri computer portatile che immagazzinano tutti i nostri dati, senza saperlo moltissimi software ci “spiano” e memorizzano tutto quello che facciamo o diciamo, l’ultimo allarme viene lanciato da esperti programmatori che avvisano del possibile pericolo del tanto amato software WhatsApp che potrebbe essere a potenziale rischio per la privacy.

Sembra proprio che è possibile spiare i messaggi scambiati via WhatsApp, in teoria tutto questo sarebbe possibile dal momento che l’applicazione non presenta alcun meccanismo di “mascheramento” dei dati che vengono trasmessi.

Il primo campanello di allarme è arrivato dalla rete e dalla comparsa in rete di programmi dal nome “WhatsAppSniffer“, che promette di spiare le conversazioni via WhatsApp che avvengono tramite rete Wi-Fi.

WhatsAppSniffer non è di facile reperibilità, ma sui vari portali Hacker girano diverse versioni funzionanti e con una semplice ricerca è possibile recuperarla facendo attenzione ai falsi programmi