Su WhatsApp sta circolando un messaggio  che suggerisce di stare attenti ad un video intitolato “la danza del Papa“. Quest’ultimo, infatti, è stato più volte accusato di essere un virus in grado di formattare il cellulare di tutti coloro che vedono il filmato, ma tutto ciò si è rivelato essere semplicemente una catena di Sant’Antonio.

Molto spesso amici e parenti inviano tramite SMS o WhatsApp alcune catene di Sant’Antonio. Il fenomeno sta vedendo il proprio apice con il messaggio riguardante un video intitolato “la danza del Papa“. Sui social network e sul web, infatti, gli utenti di WhatsApp hanno più volte evidenziato i potenziali “pericoli” di questo video. Il messaggio viene proposto in varie forme, ma il significato è sempre lo stesso. Ecco un esempio:

“URGENTE: Dillo a tutti i contatti dal proprio elenco di non accettare un video chiamato ‘La danza del papa’. È un virus che formatta il tuo cellulare. Attenzione, è molto pericoloso. Hanno annunciato oggi alla radio. Passa al maggior numero possibile. È stato annunciato alla radio negli Stati Uniti”.

Il testo risulta essere non corretto a livello grammaticale e anche per quanto riguarda la sintassi. Infatti, sembra che sia stato tradotto in italiano a partire da una lingua straniera, come l’inglese. Tuttavia, secondo indiscrezioni, sembra che il messaggio originale risalga ad un anno fa, quando venne condiviso dalla Spagna con il nome ‘Baile del Papa’.

Quindi, “la danza del Papa” risulta essere la classica catena di Sant’Antonio. Questo caso, inoltre, dimostra di essere una catena internazionale e che è arrivata in altri paesi del mondo. Se in passato le catene rimanevano confinate sul territorio italiano, a causa degli alti costi di invio SMS internazionale, adesso con WhatsApp è possibile inviare messaggi gratuiti in tutto il mondo, a patto di possedere una connessione internet e uno smartphone o un tablet. Se ricevete un messaggio in cui venite avvisati sui pericoli che comporta il video “la danza del Papa”, adesso sapete che è una vera e propria catena di Sant’Antonio.