WeChat è una delle app più popolari del momento. Sarà che a pubblicizzarla ci pensa Leo Messi in televisione, ma fatto sta che l’app è in cima alle classifiche dei vari store digitali di tutto il mondo. Ne parlano tutti e anche in qualche locale nella mia città ne ho sentito parlare.

Alla fine anche io ho installato WeChat, non per la pubblicità alla televisione, bensì per curiosità, per vedere com’è effettivamente quest’app. Se ne parla un gran bene. Sono rimasto colpito. WeChat offre la possibilità di divenire il centro della comunicazione su smartphone: la possibilità di poter scambiare messaggi di testo, audio, video, immagini e persino effettuare delle videochiamate la rende un’app che se usata da tutti potrebbe divenire imprescindibile e cominciare a far tremare gli operatori telefonici, ancor più di WhatsApp. Vediamone, in breve, i pro e i contro:

Pro:

  • è possibile scambiare gratuitamente messaggi di testo, file audio e video ed effettuare videochiamate o chiamate audio;
  • la registrazione avviene tramite verifica del numero di telefono;
  • l’app è disponibile per Android, iOS, Windows Phone, BlackBerry, Symbian e funziona anche via browser;
  • è possibile condividere e commentare contenuti con una cerchia ristretta di persone;
  • le impostazioni ci permettono di selezionare a chi rendere noto che utilizziamo WeChat.

Contro:

  • non sembra integrata con l’OS (provata su Windows Phone e Android);
  • è ancora poco diffusa.

Quando WeChat sarà diffusa a sufficienza, potremmo dire che la comunicazione sarà cambiata radicalmente. La possibilità di avere una sola app che permette di chiamare, scambiare messaggi di testo e contenuti tra determinate cerchie è fantastica e, concettualmente, ha un potenziale di diffusione enorme. Io ancora penso che non la utilizzerò visto che tra i miei contatti non è ancora conosciuta e utilizzata ma, quando lo sarà, diventerà un’app fondamentale per il mio smartphone. Assolutamente promossa.