Da una decina di giorni è partito ufficialmente il così detto roaming zero che permette a tutti i cittadini europei di poter continuare a chiamare e navigare all’interno dei paesi membri allo stesso prezzo della tariffa nazionale. Questo significa che parlare, inviare SMS e navigare su Internet non prevede più alcun costo extra come in passato. Tuttavia se ne caso delle chiamate e degli SMS non ci sono problemi, nel caso del traffico dati ci possono essere alcuni distinguo.

L’uso dei dati all’estero è quello che costa di più all’operatore ed alcuni possono non consentire di utilizzare tutto il pacchetto dell’offerta nazionale anche se devono comunque garantire la possibilità di poter navigare senza problemi all’estero. Esiste, infatti, una piccola formula matematica che permette di calcolare il traffico Internet spettante con la propria offerta se il proprio operatore pratica questi limiti.

Nel caso di Vodafone, per esempio, l’operatore ha più volte evidenziato che le offerte Vodafone Special, Vodafone International C’all, C’all Super, Vodafone Shake e internet per tablet e PC dovranno sottostare a questa speciale regola.

Per capire esattamente il traffico spettante, Vodafone ha messo online un piccolo tool che permette di calcolare i Giga a disposizione in roaming europeo. La quantità dipende, sostanzialmente dal costo di un’offerta. Se un utente paga 20 euro, potrà utilizzare 4.2GB In Europa.

Trattasi di un tool molto utile che permette di evitare problematiche. In caso di superamento dei limiti, i clienti Vodafone dovranno corrispondere 0,77 cent al Mega.