Il rilascio della versione 3.3 del Kernel per Android di Linux non è soltanto un miglioramento per quanto riguarda il codice “purò”, ma riapre una porta che sembrava fosse stata chiusa qualche anno fa.

In pratica da questa versione Android torna ad essere un progetto Linux in piena regola, la separazione era avvenuta a causa di divergenze tra i gruppi di sviluppatori, ma ora si è deciso di colmare questo divario e riunire le forze per migliorare il prodotto.

Android da questa ultima versione potrà essere sviluppato in modo più semplici da tutti, compresa la comunità di mod Android, o dai programmatori Linux che vogliono integrare funzioni nei loro sistemi operativi.