Impiantato per la prima volta in Italia in provincia di Milano Un cuore artificiale
controllabile via Internet
.

La tecnologia non è solo Smartphone di ultima generazione o PC con processori ultra-potenti, la tecnologia può anche salvare la vita, e il caso di trapianto che è stato eseguito all’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano è uno di questi casi.

Eccezionale intervento all’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano (Milano), è stato impiantato un cuore artificiale di nuovissima generazione controllabile via Internet.

Un intervento che ha dell’incredibile, il cuore artificiale è monitorabile in tempo reale a distanza grazie all’utilizzo d’internet, con questo nuovo sistema le condizioni del paziente e il corretto funzionamento della pompa artificiale sono monitorate costantemente.

L’intervento è stato eseguito dall’èquipe di Ettore Vitali, responsabile del Dipartimento Cardiovascolare, il delicato intervento è stato eseguito su un uomo di Novara di sessantacinque anni.
Come avviene lo scaricamento dei dati del cuore artificiale?

Il Ventricular assist device (cuore artificiale) ha un sistema che permette al paziente di collegarlo a un personal computer per scaricare i dati di funzionamento e per poi trasmetterli via Internet agli specialisti, che posso visualizzare in tempo reale lo stato di salute del paziente ed eventuali anomalie del sistema.

Il Ventricular assist device ha dimensioni ridotte (100 grammi circa), il sistema di pompe distribuisce il sangue a tutto l’organismo e lo svuota, un cavo di collegamento permette la connessione al PC e l’alimentazione è fornita da batterie interne ricaricabili.

Il nuovo sistema Ventricular assist device a oggi è stato impiantato in soli diciotto pazienti in tutto il mondo, quindi grande orgoglio per l’ospedale Humanitas di Rozzano (Milano).

Ettore Vitali, responsabile del Dipartimento Cardiovascolare spiega che molto presto ci sarà un successivo sviluppo del Ventricular assist device che fornirà tramite una SIM interna un monitoraggio costante.