PiggyDemic, un test di simulazione di una infezione virale tramite Facebook.

Un software creato dai ricercatori Gal Almogy e Nir Ben-Tal della Tel Aviv University, in Israele, che l’hanno presentata nel corso del recente Safra Bioinformatics Program.

L’applicazione creata per essere usata con il Social Network (più amato dagli Italiani) Facebook, non fa altro che infettare con il virus dell’influenza i nostri contatti (una vera simulazione d’infezione virale), diffondendo “virtualmente” l’infezione, il test è stato creato per una simulazione il più reale possibile ma con cui si può anche segnalare se si è davvero stati infettati oppure no dal virus, così da permettere di controllare come un virus si possa “espandere senza confini territoriali, tramite il contatto e l’interazione social tra le persone, il software permette il monitoraggio della malattia e fornisce dati su eventuali contagi.

Il nome dato dai ricercatori a quest’applicazione è PiggyDemic, il software permetterà agli studiosi di raccogliere informazioni sulla trasmissione del virus attraverso l’interazione umana, sui tempi d’infezione e sul numero di soggetti infettate.

Gli studiosi spiegano che “le persone che hanno accesso a questo software possono segnalare se sono realmente malate, se conosciamo i loro amici e la sequenza del virus infettante, potremmo essere in grado di capire da che tipo di virus siano stati colpiti e come questo passi da una persona all’altra”.

La frontiera della medicina sta “superando” i limiti di questi ultimi anni, sfruttando sempre di più internet e le nuove tecnologie per la condivisione dei dati a livelo globale.