Un combattente musulmano presente nel gioco di lotta UFC 2 esegue un segno della croce come esultanza dopo la vittoria di un match, un gesto indubbiamente cristiano.

Electronic Arts ha chiesto scusa per questo inconveniente, facendo sapere che correrà presto ai riparti con il prossimo aggiornamento. La celebrazione in seguito alla vittoria si avvia in maniera casuale, a prescindere dal lottatore vincente, e gli sviluppatori non hanno evidentemente pensato a un inconveniente di questo tipo. Il problema è che uno dei combattenti rappresentati nel gioco è Khabib Nurmagomedov non è cristiano ma musulmano.

Il lottatore, tramite un messaggio su twitter, ha quindi chiesto al publisher Electronic Arts di rimuovere questa esultanza. EA ha risposto prontamente facendo sapere che con una patch correttiva verrà risolto il problema.

Questa la risposta di Electronic Arts alla denuncia pubblica di Khabib Nurmagomedov: “Ciao Khabib. Vogliamo solo porgere la mano e farti sapere che abbiamo visto la tua preoccupazione per quanto riguarda l’esultanza post combattimento. Abbiamo informato il nostro team di sviluppo del problema e l’esultanza verrà cambiata con il prossimo aggiornamento. Ci scusiamo se questo ti ha in qualche modo offeso”.