Pochi minuti fa è terminato il conto alla rovescia apparso ieri sul sito di Ubuntu ed è stato pubblicato un video in cui Mark Shuttleworth, fondatore e CEO di Canonical, presenta Ubuntu Phone: la nuova piattaforma creata per competere con iOS e Android. Maggiori dettagli saranno divulgati al CES 2013, che si terrà la settimana prossima a Las Vegas. Ubuntu ha lanciato un guanto di sfida a Google sugli smartphone e anticipato la mossa di Amazon. Sono entrambi dei partner importanti per la diffusione di Ubuntu su desktop e server.

Shuttleworth ne aveva parlato a Santo Stefano: il 2013 di Ubuntu sarà completamente dedicato al mobile. Unity, l’interfaccia grafica della distribuzione, era già utilizzabile sui tablet e possiamo scommettere che tra i futuri aggiornamenti arriveranno delle ulteriori migliorie. Ubuntu Phone, però, è un progetto più ambizioso e Canonical dovrebbe addirittura arrivare a produrre uno smartphone nel 2014. La piattaforma è stata ultimata e dovrebbe essere scaricabile dalle prossime settimane soltanto per i possessori di Galaxy Nexus.

Il primo approccio agli smartphone è stato Ubuntu for Android, un add-on per il sistema operativo di Google limitato ai dual-core, presentato nel febbraio dello scorso anno. Ubuntu Phone è una piattaforma completa che probabilmente utilizza i sorgenti di Android, anziché il quelli di Linux: insieme a Ubuntu TV e Steam illustrato in prova, Canonical s’ispira a Apple con una soluzione globale che spazia dal desktop agli smartphone. Riuscirà a sottrarre degli utenti ai competitori? È presto per affermarlo, ma il progetto convince.