Da qualche giorno – più precisamente, da mercoledì – la app che permette d’effettuare il NCC (Noleggio Con Conducente) sulle automobili di Uber a Milano e Roma è disponibile per Windows Phone 8 e 8.1: gratis, ha subito riacceso le polemiche sulla legittimità del servizio che è stato messo in discussione persino sulla pagina dell’applicazione con recensioni negative del tutto scollegate dalle funzionalità proposte. Tradotta in italiano ha ottenuto commenti molto positivi da chi invece non intendeva soltanto attaccare la startup.

Sembra inevitabile che, dopo lo sciopero milanese nel mese di giugno, lo scontro fra i tassisti e Uber continui a colpi di feedback negativi su Windows Store. Dal punto di vista meramente tecnico, però, la app “nativa” rispetta tutte le linee-guida di Microsoft e propone al solito un design molto pulito con tutte le funzionalità che sono disponibili pure su iPhone e Android: alcuni utenti hanno comunque riscontrato dei problemi nell’utilizzo, segno che l’applicazione avrà bisogno d’ulteriori aggiornamenti per essere impeccabile.

Sebbene sia gratuita, l’applicazione prevede l’inserimento dei dati della carta di credito per pagare le corse: è ipotizzabile che l’Unione Europea imponga a Microsoft, com’è stato per Google, di non considerarla più gratis perché propone degli acquisti in-app. A meno che, essendo il noleggio un servizio erogato all’esterno di Windows Store, sia paragonabile ad altri modelli di e-Commerce. Una differenza col freemium sulla quale l’Europa dovrebbe fare chiarezza per garantire la massima trasparenza nei confronti dei consumatori.

photo credit: 5chw4r7z via photopin cc