La parola TZOA sicuramente non suonerà familiare alla maggior parte di noi, ma un domani potrebbe entrare nella nostra quotidianità. TZOA è un dispositivo indossabile in fase di progettazione ad opera dell’omonimo team canadese, con uno scopo molto nobile, monitorare i parametri dell’aria che ci circonda e tracciare una sorta di mappa delle aree in cui lo smog è inferiore, in modo da evitare di respirare impurità. Il nome non ha un significato particolare, solo la muta sta a significare l’inquinamento presente nell’aria, anche se non si vede.

Il progetto è per il momento in fase di crowdfunding (raccolta fondi) su Kickstarter, e per vedere i primi dispositivi indossabili che monitorano l’ambiente sarà necessario, stando anche a quanto riporta Engadget la prossima estate. Il dispositivo, visibile in foto accanto allo smartphone, è piccolo e rotondo, e dotato di sensori che monitorano la qualità dell’aria, l’intensità dei raggi UV, l’umidità e la temperatura. Tutti questi dati sono poi inviati all’applicazione per smartphone per fornire a chi indossa il dispositivo una panoramica dell’ambiente che lo circonda.

L’utente potrà dunque monitorare la qualità dell’aria che sta respirando e mappare le aree più o meno inquinate della propria città. Stando a quanto riportato sulla pagina dedicata Kickstarter, TZOA costerà 135 dollari, un prezzo molto interessante per un dispositivo da cui potrebbe dipendere una buona parte del nostro stato di salute.

Seguite Andrea Careddu su Google Plus Twitter