Il famoso social network di cinguettii, Twitter, sta cercando di innovare il proprio modello di business, avvicinandosi a Facebook, e proponendo contenuti pubblicitari che stanno diventando troppi e non richiesti da parte degli utenti. Come già anticipato, anche i video pubblicitari invaderanno le nostre timeline, anche se senza alcun autoplay. Una strategia, quindi, che avvicinerà Twitter a Facebook trasformandola in una piattaforma maggiormente redditizia ma che non piacerà, sicuramente, agli utenti.

Le bacheche dei social network sono sempre più ricche di contenuti non richiesti. Oltre ai tweet e retweet dei vostri amici, per alcuni utenti vengono mostrati anche i preferiti degli amici. Questa novità, di cui vi abbiamo parlato qualche giorno, è comparsa anche nella pagina di assistenza in lingua inglese. Twitter evidenzia che oltre a tweet, retweet, cinquettii promozionali, possono essere aggiunti altri contenuti alla bacheca, tra cui quelli più popolari o rilevanti. Se un tempo era possibile seguire gli utenti desiderati, ora le nostre timeline saranno sempre più intasate da tweet non desiderati.

Il web è in protesta con buona parte degli utenti che è allarmata per la propria privacy. Se da un lato per Twitter può essere questo il miglior modo per monetizzare e crescere sul mercato finanziario, dall’altro troviamo utenti che preferiscono scegliere cosa visualizzare in modo chiaro, senza alcun filtro e senza alcuna sorpresa. Staremo a vedere, quindi, se la popolare piattaforma di microblogging continuerà ad applicare i cambiamenti annunciati o seguirà l’opinione degli utenti, che da un momento all’altro potrebbero abbandonare la piattaforma.

photo credit: Tom Raftery via photopin cc