Come già anticipato a giugno, Twitter ha rimosso il limite dei 140 caratteri nei messaggi privati, i cosiddetti Direct Message. In questo modo, il social network dei cinguettii ha voluto rendere il servizio di messaggistica privata più versatile permettendo ai propri utenti di scambiarsi testi illimitati (o quasi).

Una scelta assolutamente sensata, visto che mettere un limite nei messaggi diretti fra utenti non ha alcun limite né concettuale né tanto meno funzionale. Era squisitamente un limite da rimuovere. Una rivoluzione che farà molto comodo anche alle aziende che per fornire assistenza agli utenti doveva cercare di risolvere i problemi con messaggi limitati a 140 caratteri. In certi casi, una vera e propria impresa.

La nuova possibilità entrerà in vigore in maniera graduale. L’applicazione per iOS e Androdid si aggiornerà nelle prossime settimane. Anche sulla versione web twitter.com e Twitter per Mac la nuova funzione sarà presto disponibile.

I puristi di Twitter non avranno di che preoccuparsi: i messaggi in bacheca – i tweet – continueranno ad essere limitati a 140 caratteri. In questo caso, si tratta di una caratteristica non limitate, ma un valore aggiunto che ha reso Twitter il social network simbolo dell’immediatezza e della sintesi.

La rimozione dei 140 caratteri nei messaggi privati segue la nuova funzione che permette agli utenti di inviare messaggi diretti anche ai “non follower”.