Twitter sta testando una nuova forma di retweet. Si tratta più di una novità grafica che reale. La citazione, disponibile al momento solo per alcuni utenti, trasforma di fatto i retweet in piccole schede, con la quali viene mostrato anche il tweet originario. Tecnicamente vengono chiamati “tweet con commento” ed è l’equivalente del quote adottato da tante app prima e infine anche da Twitter. Con una novità.

I tweet con i commenti, scoperti per primo da Mashable (cui va il credit per la foto), mostrano tutto il tweet originale, con avatar dell’utente e messaggio. Utilizzando la nuova funzione è però possibile avere a disposizione più caratteri di prima. Praticamente avremo la possibilità di pubblicare un tweet collegando a esso il tweet che volevamo retwittare. E quindi niente più salti mortali per far entrare il nostro commento nei 140 caratteri insieme al tweet originale. Il che significa che saremo anche più liberi di scrivere tweet più lunghi, consapevoli di non dover più “lasciare spazio” a chi avesse voluto risponderci.

Per fare ciò Twitter utilizzerà la funzione delle card, introdotta sul finire del 2013.

C’è un’altra novità che Twitter sta testando, ma questa volta si tratta di una piccola variazione per migliorare la consultazione della timeline. Alcuni utenti infatti hanno notato che ora le foto compaiono sotto ai tweet e non sopra, ma solo nella versione mobile, così da consentire all’utente di leggere prima il tweet e vedere poi la foto.

Se siete interessati ai retweet, vi consiglio la lettura di un paio di altri post: