Una nuova lotta sul web si configura, ed è quella per il dominio del live streaming. Non più il social network da utilizzare, o almeno non più con un ruolo dominante, bensì quale utilizzare tra le app che introducono novità, esattamente come in questo inizio di 2015 è stato per Meerkat prima e per Periscope poi, due applicazioni che portano la trasmissione live della quotidianità della gente, di tutto ciò che accade loro: una vera e propria social TV, dove è sufficiente essere iscritti ad un social network per costruire uno streaming dopo l’altro il proprio pubblico, di cui abbiamo già ampiamente descritto le funzioni nella guida all’uso di Periscope.

Periscope, come saprete, è un’app acquisita da Twitter che ne è proprietaria, e che essendo stata pubblicata in seguito a Meerkat, vede in questa il più grande rivale (per il momento almeno) nell’ottica della ricerca del predominio tra le app che permettono la trasmissione live. Stando a quanto riportato però da TechCrunch, Twitter vorrebbe che il sorpasso nei confronti di Meerkat fosse marcato, con lo scopo di surclassare l’applicazione competitor, in favore di Periscope ovviamente. Per questo, riporta il sito statunitense, l’azienda dei cinguettii avrebbe contattato sia VIP che compagnie media, per convicere questi che Meerkat sarebbe in declino, e che Periscope al contrario dovrebbe essere l’app da utilizzare.

Non solo però, Twitter avrebbe nel dialogo con le aziende media utilizzatrici di Meerkat, suggerito di passare a Periscope, addirittura con pena la negazione dell’accesso ad Amplify, un prodotto che permette ad aziende e brand di creare tweet sponsorizzati basati soprattutto su video, permettendo di guadagnare visibilità sia al marchio sponsorizzato che alla compagnia comunicatrice.

Twitter, ancora, avrebbe contattato personaggi dalla grande visibilità in seguito a loro comparsa su Meerkat, evidenziando – secondo le fonti anche con tecniche abbastanza aggressive – la superiorità di Periscope, sia in quanto a portata per quanto riguarda il pubblico raggiungibile, sia in quanto a qualità dell’applicazione. Sicuramente Twitter ha un ambito di azione maggiore rispetto a quello di Meerkat, data la sua popolarità globale, e sarà dunque difficile per questa portare avanti il duello, nonostante però riporta sempre TechCrunch, possano comparire sullo sfondo altri concorrenti, con Yahoo per esempio che starebbe pensando di sviluppare un prodotto nell’ambito del live streaming.