Ieri notte Twitter ha annunciato una nuova interessante funzione, ossia le custom timeline. Grazie a queste sarà possibile, inizialmente solo per tutti gli utenti di Tweetdeck, creare una colonna in cui spostare e copiare tweet. Tutto qui? No: questa colonna avrà un proprio link e potrà essere condivisa sul web embeddandola in una pagina. Siamo davanti alla content curation applicata al sito di microblogging.

In due parole, è la morte di Storify. Twitter ha anche annunciato che la funzione sarà disponibile tramite API e quindi potrà essere integrata in altre app e sfruttata dagli sviluppatori. Ogni qualunque evento che avviene nel mondo sarà d’ora in poi curabile da chiunque e raccontabile on line in modo semplice e ragionato. Per certi versi, è quanto si poteva fare già grazie alla startup italiana Seejay, che però, oltre a Twitter, consente di integrare Facebook e Instagram, ma il cui uso pensato per le redazioni di giornali e blog. Twitter così dimostra di voler democratizzare il giornalismo.

Non è ben chiaro dove e come sarà visibile il link alle custom timeline sul profilo degli utenti. Per il momento lo sarà solo per quelli di Tweetdeck. Per chi ha un vecchio profilo, la versione web è già disponibile. Purtroppo però non è possibile riorganizzare i tweet una volta inseriti: l’ultimo aggiunto va al primo posto. Visto così mi sembra uno strumento pensato ad hoc per le dirette twitter. Da vedere se, o meglio quando, verrà introdotto uno strumento per riorganizzare i tweet e creare custom timeline ragionate a posteriori.

Peccato solo che le app di Tweetdeck per iOS e Android siano state chiuse.